Ribe


A mogli bi se spustiti dole u luku
dok grad još spava i ne pravi buku
pripremiću nam udice
popio sam lijekove, ruke se ne tresu više

Dugo nisam bio voljen

Nakon kiše ribe grizu kao lude
toliko te volim da se pomalo i bojim
može li život stvarno postati bajka
tvoje me usne kao sunce griju

Dogovor je dogovor

Sve što ulovimo mi pozdravimo
pa zagrlimo, poljubimo i vraćamo u more

Ponovi ono svoje

I ribe su jednom izašle iz vode
izgubile škrge i dobile noge

Gledamo kako bljeskaju peraje
ribe sretne dubine
i struje vam lake

Volim tvoje lude priče
zaboravim na vrijeme
uvijek si bila bistrija od mene


Damir Urban​, „Ribe”


Lažu devedesete


Više ne osjećam zanos
kao kad sam, konačno s petnaest, pustio uzde
Više ne žudim za dodirom
kao kad sam, s njenih obraza, ljubio suze

Sjaj zadnjeg proljeća
za junake zlog stoljeća

Sve je mirisalo na ponos, velike želje
dok su se kalili budući stoici
Prva šamaranja, besjede, filozofije
prve ljubavi, prvi mamurluci

Sjaj zadnjeg proljeća
za junake zlog stoljeća

Lažu devedesete, na osmijeh me prevare
dobiju me na sentiment
Po lošemu su poznate, al' meni lice ozare
na ljubav stave presudni akcent

Ispred prve gimnazije zvoni za uzbunu
mjesto početka školskog sata
zamračenje na snazi je, korak ječi praznije
svaki smiješak vrijedi zlata

Godine crnih marama
tuge na Markalama

Lažu devedesete, na osmijeh me prevare
dobiju me na sentiment
Po lošemu su poznate, al' meni lice ozare
na ljubav stave presudni akcent

Devedesete se smiju, šalju pozdrave
devedesete ti mašu, nisu gotove


Pavel, „Lažu devedesete”
Stihovi: Aljoša Šerić


Love


Look at you kids with your vintage music
Comin' through satellites while cruisin'
You're part of the past, but now you're the future
Signals crossing can get confusing

It's enough just to make you feel crazy, crazy, crazy
Sometimes, it's enough just to make you feel crazy

You get ready, you get all dressed up
To go nowhere in particular
Back to work or the coffee shop
Doesn't matter cause it's enough
To be young and in love 

Look at you kids, you know you're the coolest
The world is yours and you can't refuse it
Seen so much, you could get the blues
But that don't mean that you should abuse it

Though It's enough just to make you go crazy, crazy, crazy
I know, it's enough just to make you go crazy, crazy, crazy


Lana Del Rey, „Love”


Smells Like Teen Spirit


Load up on guns, bring your friends
It's fun to lose and to pretend
She's overboard and self-assured
Oh no I know, a dirty word

Hello, hello, hello, how low

With the lights out it's less dangerous
Here we are now, entertain us
I feel stupid and contagious
Here we are now, entertain us
A mulatto, an Albino
A mosquito, my libido, yeah

I'm worse at what I do best
And for this gift, I feel blessed
Our little group has always been
And always will until the end

Hello, hello, hello, how low

And I forget just why I taste
Oh yeah, I guess it makes me smile
I found it hard, it was hard to find
Oh well, whatever, nevermind

Hello, hello, hello, how low


Nirvana, „Smells Like Teen Spirit” 
Stihovi: Kurt Cobain


About a Girl


I need an easy friend
I do, with an ear to lend
I do think you fit this shoe
I do, won't you have a clue

I'll take advantage while
You hang me out to dry
But I can't see you every night, free
I do

I'm standing in your line
I do hope you have the time
I do pick a number too
I do keep a date with you

I'll take advantage while
You hang me out to dry
But I can't see you every night, free
I do


Nirvana, „About a Girl” 
Stihovi: Kurt Cobain


All Apologies


What else should I be?
All apologies
What else could I say?
Everyone is gay
What else could I write?
I don't have the right
What else should I be?
All apologies

In the sun, in the sun
I feel as one
In the sun, in the sun
Married, buried

I wish I was like you
Easily amused
Find my nest of salt
Everything is my fault
I'll take all the blame
Aqua seafoam shame
Sunburn, freezer burn
Choking on the ashes of her enemy

In the sun, in the sun
I feel as one
In the sun, in the sun
Married, buried

All in all is all we are


Nirvana, „All Apologies”
Stihovi: Kurt Cobain


Rembo je kao nijedan pesnik na svetu hteo sve da obujmi


Rembo je kao nijedan pesnik na svetu hteo sve da obujmi, poveže, praveći od takvog posla sublimnu anarhiju, a otuda i sva njegova tragedija: - „Ja imam sve talente”, uzvikivao je on.

Ta univerzalna žeđ ga je rastočila u atome, i takav Rembo, sav u varnicama kontradikcija, igrač na svim registrima, predstavlja osamljen i jedinstven primer u istoriji svetske poezije.


Rade Drainac
Iz knjige „Cirkus Drainac” [Eseji, autobiografske proze, prepiska, razgovori, razno]
Fotografija:  Etienne Carjat, Rembo sa 17. godina, decembar 1871.


O Dubrovniku

Ništa gore od degenerirane aristokracije. A in puncto starog Dubrovnika mogu reći to, da je, premda po katolički, malo ikavskim i kulturnim svojim vrijednostima pravo starohrvatsko mjesto, bio prije svega Dubrovnik, egoistično, trgovačko i patricijsko gnijezdo, podvaljujući jednakom vještinom Turčinu i Mlečiću, hrvatskom banu i despotu srpskom. Samo pod cijenu velikog šaranja i laganja, velike 'diplomacije', mogaše se ta pumpovana sloboda uzdržati. Licemjerstvo i fraze, ta republika nemaše - republikanaca.


Antun Gustav Matoš



O Zagrebu

Glavni grad tek imenom a u stvari provincijsko mjesto kao Split ili Sarajevo, bez tradicijske i gospodarske finoće i kozmopolitske privlačnosti još dan-danas stiliziranog i bogatog Dubrovnika. Šta ćemo, mi Zagrepčani smo provincijalci, obmanjujući sebe i druge da smo velegrađani. Mala Rijeka je u stvari više velegrad od Zagreba gdje se toliko svi poznaju, međusobno i uzajamno si zavirujući sve do dna želuca kao na selu.

*

Već na Jelačićevom trgu bijah razočaran. Sve tuđe gospodarstvo, dok je Hrvat tek vojnik, svećenik, činovnik ili seljak: sluga božiji ili ljudski - sluga, sluga! Zato i čujem sa svih strana pozdrav - Sluga! Servus! Sluga najponizniji! Hvaljen Isus! Sudeći po tim pozdravima, servilnost i formalna bigotnost su glavne oznake Zagreba, grada birokratskog kao Potsdam i Graz, bogomoljskog kao Kremlj, Avila i Bruges - si licet parva. Po cio dan tu cinka i zvoni, zvoni i cinka, pa nije čudo te u mjestu tolikih zvona ima toliko praporaca.

*

Zagreb je i velegrad i selo. Zagreb nije selo, a nije ni velegrad, pa je zbog toga tako dosadan, tako silno dosadan, da se tu ljudi iz dugočasice čak ubijaju. Taedium vitae, moeror Zagrebiensis, spleen zagrebački, naročito kad zaintače vječna ta zvona, kad dosade i novine u kafani, pa se bulji na ulicu u kišu i u ista poznata lica na kojima čitaš vječno jedno te isto s prekrasnom nadom da ćeš se i na Mirogoju u njihovom društvu jamačno dosađivati.


Antun Gustav Matoš



Kad Jelena opkoljava Cinque Terre


Jelena teatralno izvrši giljotinu nad nama
rečenicom
„Velika ste deca”

Jelena opkoli Cinque Terre
grebenima svog tijela
poljulja vlast 
potopi kineske teretne brodove 
zapali fabrička skladišta 
nakon svega preživi još samo
erotizovana nostalgija
mirisa tuđih stanova

Noćni portiri
u najljepšim kvartovima Rima
zamišljaju je golu 
zamišljaju njene grudi pod šatorima
u zatvorskim kupatilima
misionari su na jezivim mukama
podrhtavaju
kolebaju se 
popovi i fratri proklinju Boga
pobjegnu pod led jezera
a ja se zavučem 
u plinsku svjetlost
ja se utapam
u more
u vino
ja emigriram
zajedno sa svim lalama, trešnjama i koprivama
na njenim večernjim haljinama.


Igor Varga, „Kad Jelena opkoljava Cinque Terre”


Čovek postaje slobodan svojom odlukom, otporom i nepristajanjem

Čovek postaje slobodan svojom odlukom, otporom i nepristajanjem. Ako pristane na tuđi sistem mišljenja, on nema svojih razloga, pa ne može doći ni do svoje odluke. Kad odbaci tuđu logiku i nametnuti način mišljenja, svi su mu razlozi dostupni i svaki čin je moguć.


Meša Selimović, „Krug”


Almeno credo


Credo che ci voglia un dio ed anche un bar
credo che stanotte ti verrò a trovare
per dirci tutto quello che dobbiamo dire
o almeno credo

Credo proprio che non sia già tutto qui
e certi giorni invece credo sia così
credo al tuo odore e al modo in cui mi fai sentire
a questo credo

Qua nessuno c’ha il libretto d’istruzioni 
credo che ognuno si faccia il giro come viene 
a suo modo 
qua non c’è mai stato solo un mondo solo

Credo a quel tale che dice in giro
che l’amore porta amore, credo 
se ti serve, chiamami scemo  
ma io almeno credo 

Credo nel rumore di chi sa tacere 
che quando smetti di sperare inizi un po’ a morire 
credo al tuo amore e a quello che mi tira fuori 
o almeno credo 

Credo che ci sia qualcosa chiuso a chiave
e che ogni verità può fare bene o fare male
credo che adesso mi devi far sentir le mani
che a quelle credo

Qua nessuno c’ha il libretto d’istruzioni
credo che ognuno si faccia il giro come viene  
a suo modo  
qua non c’è mai stato solo un mondo solo 

Credo a quel tale che dice in giro
che l’amore porta amore, credo 
se ti serve, chiamami scemo  
ma io almeno credo 


Luciano Ligabue, „Almeno credo”


Gli ostacoli del cuore


C'è un principio di magia
Fra gli ostacoli del cuore
Che si attacca volentieri
Fra una sera che non muore
E una notte da scartare
Come un pacco di natale

C'è un principio d'ironia
Nel tenere coccolati
I pensieri più segreti
E trovarli già svelati
E a parlare ero io
Sono io che li ho prestati

Quante cose che non sai di me
Quante cose che non puoi sapere
Quante cose da portare nel viaggio insieme

C'è un principio di allegria
Fra gli ostacoli del cuore
Che mi voglio meritare
Anche mentre guardo il mare
Mentre lascio naufragare
Un ridicolo pensiero

Quante cose che non sai di me
Quante cose che non puoi sapere
Quante cose da portare nel viaggio insieme

Quante cose che non sai di me
Quante cose devi meritare
Quante cose da buttare nel viaggio insieme

C'è un principio di energia
Che mi spinge a dondolare
Fra il mio dire ed il mio fare
E sentire fa rumore
Fa rumore camminare
Fra gli ostacoli del cuore

Quante cose che non sai di me
Quante cose che non puoi sapere
Quante cose da portare nel viaggio insieme

Quante cose che non sai di me
Quante cose che non vuoi sapere
Quante cose da buttare nel viaggio insieme


Elisa & Luciano Ligabue, „Gli ostacoli del cuore”


Certe notti


Certe Notti la macchina è calda e dove ti porta lo decide lei.
Certe notti la strada non conta e quello che conta è sentire che vai.
Certe notti la radio che passa Neil Young sembra avere capito chi sei.
Certe notti somigliano a un vizio che non voglio smettere, smettere mai.

Certe notti fai un po’ di cagnara che sentano che non cambierai più.
Quelle notti fra cosce e zanzare e nebbia e locali a cui dai del tu.
Certe notti c’hai qualche ferita che qualche tua amica disinfetterà.
Certe notti coi bar che son chiusi al primo autogrill c’è chi festeggerà.

E si può restare soli, certe notti qui, che chi s’accontenta gode, così così.
Certe notti o sei sveglio, o non sarai sveglio mai, ci vediamo da Mario prima o poi.

Certe notti ti senti padrone di un posto che tanto di giorno non c’è.
Certe notti se sei fortunato bussi alla porta di chi è come te.
C’è la notte che ti tiene tra le sue tette un po’ mamma un po’ porca com’è.
Quelle notti da farci l’amore fin quando fa male fin quando ce n’è.

Non si può restare soli, certe notti qui, che se ti accontenti godi, così così.
Certe notti son notti o le regaliamo a voi, tanto Mario riapre, prima o poi.

Certe notti qui, certe notti qui, certe notti qui, certe notti….

Certe notti sei solo più allegro, più ingordo, più ingenuo e coglione che puoi
quelle notti son proprio quel vizio che non voglio smettere, smettere, mai.

Non si può restare soli, certe notti qui, che chi s’accontenta gode, così, così.
Certe notti sei sveglio o non sarai sveglio mai, ci vediamo da Mario prima o poi.

Certe notti qui, certe notti qui, certe notti qui


Luciano Ligabue, „Certe notti”


Niente paura


A parte che gli anni passano
per non ripassare più
e il cielo promette di tutto
ma resta nascosto lì dietro il suo blu
ed anche le donne passano
qualcuna anche per di qua
qualcuna ci ha messo un minuto
qualcuna è partita ma non se ne va

Niente paura
niente paura
niente paura
ci pensa la vita
mi han detto così
niente paura
niente paura
niente paura
si vede la luna
perfino da qui

A parte che ho ancora il vomito
per quello che riescono a dire
non so se son peggio le balle
oppure le facce che riescono a fare
a parte che i sogni passano
se uno li fa passare
alcuni li hai sempre difesi
altri hai dovuto vederli finire

Niente paura
niente paura
niente paura
ci pensa la vita
mi han detto così
niente paura
niente paura
niente paura
si vede la luna
perfino da qui

Tira sempre un vento
che non cambia niente
mentre cambia tutto
sembra aria di tempesta
senti un po' che vento
forse cambia niente
certo cambia tutto
sembra aria bella fresca

A parte che i tempi stringono
e tu li vorresti allargare
e intanto si allarga la nebbia
e avresti potuto vivere al mare
ed anche le stelle cadono
alcune sia fuori che dentro
per un desiderio che esprimi
te ne rimangono fuori altri cento

Niente paura
niente paura
niente paura
ci pensa la vita
mi han detto così
niente paura
niente paura
niente paura
si vede la luna
perfino da qui


Luciano Ligabue, „Niente paura”


Ho perso le parole


Ho perso le parole
eppure ce le avevo qua un attimo fa,
dovevo dire cose
cose che sai,
che ti dovevo
che ti dovrei.
Ho perso le parole
può darsi che abbia perso solo le mie bugie,
si son nascoste bene
forse però,
semplicemente
non eran mie.

Credi
credici un po'
metti insieme un cuore e prova a sentire e dopo
credi
credici un po' di più di più davvero.

Ho perso le parole
e vorrei che ti bastasse solo quello che ho,
io mi farò capire
anche da te,
se ascolti ben se ascolti un po'.
Sei bella che fai male
sei bella che si balla solo come vuoi tu
non servono parole
so che lo sai
le mie parole non servon più.

Credi
credici un po' sei su radiofreccia guardati in faccia e dopo
credi
credici un po' di più di più davvero.

Ho perso le parole
oppure sono loro che perdono me,
io so che dovrei dire
cose che sai,
che ti dovevo, che ti dovrei.
Ma ho perso le parole
vorrei che mi bastasse solo quello che ho,
mi posso far capire
anche da te,
se ascolti bene
se ascolti un po'.

Credi
credici un po'
metti insieme un cuore e prova a sentire e dopo
credi
credici un po' di più di più davvero.
Credi
credici un po' sei su radiofreccia guardati in faccia e dopo
credi
credici un po' di più di più davvero


Luciano Ligabue, „Ho perso le parole”


Cosa vuoi che sia


Gli occhi fanno quel che possono
nientemeno e niente più
tutto quello che non vedono
è perchè non vuoi vederlo tu

Cosa vuoi che sia
passa tutto quanto
solo un po' di tempo e ci riderai su
cosa vuoi che sia
ci sei solo dentro
pagati il tuo conto e pensaci tu

È la vita in cui abiti
nientemeno e niente più
sembra un posto in cui si scivola
ma queste cose le sai meglio tu

Cosa vuoi che sia
passa tutto quanto
solo un po' di tempo e ci riderai su
cosa vuoi che sia
ci sei solo dentro
pagati il tuo conto e pensaci tu

Chi ama meno è meno fragile

Tutti dicono così
ma gli occhi fanno quel che devono
solo tu puoi non accorgerti

E il mondo che ti dice:
«Tu pensa alla salute.»
che c'è chi pensa a quello
a cui non pensi tu

Cosa vuoi che sia
passa tutto quanto
solo un po' di tempo e ci riderai su
cosa vuoi che sia
ci sei solo dentro
pagati il tuo conto e pensaci tu

E il mondo che ti dice:
«Tu pensa alla salute.»


Luciano Ligabue, „Cosa vuoi che sia”


Ho messo via


Ho messo via un pò di rumore
dicono così si fa nel comodino c’è una mina
e tonsille da seimila watt.
Ho messo via i rimpiattini
dicono non ho l’età
se si voltano un momento
io ci rigioco perchè a me… va.
Ho messo via un pò di illusioni
che prima o poi basta così
ne ho messe via due o tre cartoni
comunque so che sono lì.
Ho messo via un pò di consigli
dicono è più facile
li ho messi via perchè a sbagliare
sono bravissimo da me.
Mi sto facendo un pò di posto
e che mi aspetto chi lo sa
che posto vuoto ce n’è stato ce n’è ce ne sarà.
Ho messo via un bel pò di cose
ma non mi spiego mai il perchè
io non riesca a metter via te
Ho messo via un pò di legnate
i segni quelli non si può
che non è il male nè la botta
ma purtroppo il livido.
Ho messo via un bel pò di foto
che prenderanno polvere
sia su rimorsi che rimpianti
che rancori e sui perchè
Mi sto facendo un pò di posto
e che mi aspetto chi lo sa
che posto vuoto ce n’è stato ce n’è ce ne sarà.
Ho messo via un bel pò di cose
ma non mi spiego mai il perchè
io non riesca a metter via te
In queste scarpe
e su questa terra che dondola
dondola dondola dondola
con il conforto di
un cielo che resta lì
Mi sto facendo un pò di posto
e che mi aspetto chi lo sa
che posto vuoto ce n’è stato ce n’è ce ne sarà.
Ho messo via un bel pò di cose
ma non mi spiego mai il perchè
io non riesca a metter via
riesca a metter via,
riesca a metter via te


Luciano Ligabue, „Ho messo via”


High By The Beach


Boy, look at you, lookin' at me
I know you know how I feel
Lovin' you is hard, bein' here's harder
You take the wheel
I don't wanna do this anymore
It's so surreal
I can't survive
If this is all that's real

All I wanna do is get high by the beach
Get high by the beach, get high
All I wanna do is get by by the beach
Get by, baby, baby, bye bye
The truth is I never bought into your bullshit
When you would pay tribute to me 'cause I know that
All I wanted to do was get high by the beach
Get high, baby, baby, bye bye

Boy, look at you, lookin' at me
I know you don't understand
You could be a bad motherfucker
But that don't make you a man
Now you're just another one of my problems
Because you got out of hand
We won't survive
We're sinkin' into the sand

All I wanna do is get high by the beach
Get high by the beach, get high
All I wanna do is get by by the beach
Get by baby, baby, bye bye
The truth is I never bought into your bullshit
When you would pay tribute to me 'cause I know that
All I wanted to do was get high by the beach
Get high, baby, baby, bye bye

Lights, camera, acción
I'll do it on my own
Don't need your money, money
To get me what I want
Lights, camera, acción
I'll do it on my own
Don't need your money, money
To get me what I want

All I wanna do is get high by the beach
Get high by the beach, get high
All I wanna do is get by by the beach
Get by baby, baby, bye bye
The truth is I never bought into your bullshit
When you would pay tribute to me 'cause I know that
All I wanted to do was get high by the beach
Get high, baby, baby, bye bye

Anyone can start again
Not through love but through revenge
Through the fire, we're born again
Peace by vengeance, brings the end


Lana Del Rey, „High By The Beach”